PERCORSO://Parole in musica

Parole in musica

Torino 12-13 maggio: Premio nazionale per la poesia  “Poesia nel cassetto”.

Clarissa Sabatini, classe 2000, alunna dell’istituto Alberghiero di Orvieto, conquista il podio come migliore autrice per il concorso nazionale di poesia, con il brano “ Il centenario “. Artista eclettica, unica nel suo genere, con la sua creatività ha saputo spaziare dalla produzione poetica a quella musicale.

Parole in musica - 1Un fiume incontenibile di “Musica e parole “ o meglio note di poesia che oggi hanno risuonato nell’aula magna dell’illustre Liceo Classico “M. D’Azeglio” di Torino, dove Clarissa, alla presenza di una giuria di esperti, guidata dal dirigente Prof. Mario Dino , insieme a tanti altri giovani talenti provenienti da molte parti d’Italia, ha tradotto in musica, con la lettura enfatizzata del testo da parte della Prof.ssa Angeletta Sbarra, la poesia “Il Centenario”.
Clarissa ha saputo così evocare, attraverso i versi della sua composizione, ricordi ed emozioni pure.
Quella di Clarissa, infatti, è una vena artistica che esce dagli schemi, che sa emozionaretutti, proittandoti in un viaggio immaginario, dove tutto appare ancestrale, sospeso tra cielo e terra.

Momenti di alta formazione ed autentico compito di realtà che inverano e rendono la didattica materia umana, di quell’umanità di cui tutti abbiamo veramente bisogno.

Il centenario
Ho visto cento natali e cento primavere,
ho visto cento volte riempire le fioriere,
ho visto cento volte le foglie cadere
e cento volte le margherite spuntare.
Ho visto cento volte il mondo cambiare,
cento volte le stesse cose ritornare,
cento volte le rondini sono emigrate
e cento volte sono ritornate.
Ho udito cento volte auguri,
cento volte ho sfondato i muri,
ho vissuto cento estati,
cento inverni se ne sono andati.
Ho fatto cento compleanni,
sono passati un po’ di anni,
e si, è passato un secolo, un’era,
ho riempito la mia cassettiera.
La cassettiera dei sogni realizzati,
e dei miei ricordi ormai passati,
si, ormai sono vecchio,
me lo vedo anche allo specchio.
Ora sono un centenario,
e di questo me ne vanto,
ancora ballo e canto,
solo e solitario.

 

Parole in musica - 2

2018-05-15T06:03:27+00:00